Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / Il processo immaginativo nella danza: uno strumento vincente

Il processo immaginativo nella danza: uno strumento vincente

Spesso l’insegnante di danza ricorre a ‘esempi immaginativi’ per spiegare un passo. Incoraggia i ballerini ad allungare la colonna vertebrale immaginando un filo attaccato alla testa che li solleva delicatamente, per esempio, oppure spiega di concentrarsi sulla rotondità delle braccia immaginando di tenere in mano una palla.

L’immaginazione quindi è uno degli strumenti che permette il raggiungimento degli obiettivi nella danza. Può essere usata per migliorare la tecnica, la coreografia e l’espressività del danzatore. L’immaginazione ha un’influenza positiva soprattutto nei bambini, attiva la fantasia, la creatività e l’indipendenza emotiva.

L’uso dell’immagine nella danza risale agli inizi del 1900, in particolare al lavoro di Mabel Elsworth Todd fondatrice dell’ideokinesis, una forma di rieducazione posturale volta a migliorare l’allineamento e la fluidità del movimento attraverso immagini guidate, che divenne popolare negli anni ’30 tra i danzatori.

Nel suo libro Il corpo pensante, Todd promuoveva la comprensione delle forze biomeccaniche alla base del movimento umano e dell’allineamento del corpo.

Mente e corpo sono un’unica struttura. Da questa globalità scaturiscono l’arte e la capacità di trasmettere le proprie emozioni mentre si danza. Quindi, l’immaginazione mentale è anche strettamente collegata alla psicologia della danza, può ridurre l’ansia e migliorare le prestazioni.

Durante la preparazione di una performance, fornire agli studenti una sessione di immaginazione guidata può portare al rilassamento e al miglioramento della concentrazione. Chiedere agli allievi di immaginarsi sul palco di un teatro gremito di gente, per esempio, e di sentirsi comunque a proprio agio, può aiutarli a sentirsi più padroni di sé e a gestire lo stress.

Infine, l’immaginazione può rafforzare la motivazione e la fiducia in se stessi, ed è molto importante per il mantenimento e il recupero dei ballerini infortunati.

Quando il danzatore subisce un infortunio, il processo immaginativo è di grande aiuto per il ripasso e la sedimentazione delle coreografie, ma soprattutto produce effetti terapeutici utili ai fini della riacquisizione delle abilità motorie compromesse.

L’immaginazione quindi è un strumento molteplice e funzionale per i danzatori. Associata allo studio della tecnica, crea risultati durevoli e positivi in termini di esecuzione e di affezione alla danza.

Incoraggiare l’allievo a ‘vedere’ e ‘sentire’ se stesso mentre esegue passi ed esercizi, infatti, è fondamentale per ottenere quel tutt’uno che danzare richiede.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Virgilio Sieni ospite al Segesta Teatro Festival 2022

Al via il Segesta Teatro Festival, con la direzione artistica di Claudio Collovà, il programma di arti ...

Versiliana Festival Gala: parata di stelle del Teatro alla Scala

La nuova generazione di artisti del Corpo di Ballo del Teatro alla Scala, oggi diretto ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi