Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La danza al Gender Bender 2016: da restarci “a bocca aperta!”

La danza al Gender Bender 2016: da restarci “a bocca aperta!”

La danza al Gender Bender 2016: da restarci “a bocca aperta!”

 

Irriverenza, controtendenza e un pizzico di sagacità: ecco i tre ingredienti principali di uno dei Festival di arti e culture contemporanee più apprezzato e chiacchierato della scena contemporanea, il Gender Bender, che giunge alla 14a edizione, denominata A bocca aperta!, proponendo un ricco cartellone di eventi di danza, teatro e cinema, nonché di mostre, incontri e party.

La location, naturalmente, è la città di Bologna, la quale ospita il Festival dal 26 ottobre al 6 novembre in più differenti luoghi deputati alla migliore valorizzazione delle opere proposte. Tra di essi, per quanto riguarda la danza, spiccano l’Arena del Sole, l’AtelierSI, il Teatro Testoni Ragazzi, i Teatri di Vita, il Teatro del Baraccano e il Teatro Duse.

La produzione del Festival è affidata, come di consueto, a Il Cassero, centro bolognese dalla lunga e impareggiabile storia di sensibilizzazione e sostegno della campagna di affermazione dei diritti della comunità LGBT a respiro locale e nazionale. Nessuna istituzione migliore in territorio bolognese, insomma, per dare vita a cotanto tripudio di arti performative.

Ad “aprire le danze” il 27 ottobre all’Arena del Sole è il Balletto di Roma, in scena con Paradox, per la coreografia di Itamar Serussi Sahar e Paolo Mangiola, “un’indagine sul maschile e sul femminile, tra le consuetudini e i paradossi di una contemporaneità cangiante”, come descritto nel comunicato stampa di Gender Bender.

Per la successiva coppia di giornate, 28 e 29 ottobre, ben due location fanno contemporaneamente spazio a uno spettacolo di provenienza internazionale: da un lato, A room for all our tomorrows (Gran Bretagna), coreografato da Igor Urzelai e Moreno Solinas, è presentato in prima nazionale all’AtelierSI; dall’altro, Happy Hour (Belgio), creato da Mauro Paccagnella e Alessandro Bernardeschi, nonché prodotto da Wooshing Machine, calca il palcoscenico dell’Arena del Sole.

In coda alle suddette performance, precisamente il 29 e 30 ottobre, è la volta della coreografa francese Phia Ménard che presenta in prima nazionale L’après-midi d’un fœhn al Teatro Testoni Ragazzi, uno spettacolo i cui pupazzi protagonisti sono creati con buste di plastica, mossi da correnti d’aria, e “senza bisogno di essere toccati, la libertà dei loro movimenti, accompagnata dalla musica di Claude Debussy, li rende sempre più simili a dei veri danzatori” (Comunicato stampa Gender Bender).

A cavallo, dunque, tra ottobre e novembre (31 ottobre-1 novembre) l’incontro tra Italia e Gran Bretagna genera la prima nazionale di No Lander, coreografia di Riccardo Buscarini in scena ai Teatri di Vita. Seguono a ruota: Ra-Me della italiana Lara Russo, in scena l’1-2 novembre al Teatro Duse; Goodnight Peeping Tom della connazionale Chiara Bersani, al Teatro del Baraccano l’1,2 e 3 novembre; e Within her eyes del britannico James Cousins, presentato all’AtelierSI il 2-3 novembre.

Dulcis in fundo, quattro spettacoli di provenienza tanto nazionale quanto internazionale, si alternano in palcoscenico nelle ultime tre giornate del Festival: Object, nato dal connubio artistico israeliano-olandese formato da Uri Ivgi e Johan Greben, è presentato in prima nazionale il 4-5 novembre all’Arena del Sole; nelle medesime giornate e location Aneckxander del belga Alexander Vantournhout; Misses and Mysteries della tedesca Antonia Baehr, in prima nazionale al Teatro del Baraccano il 5-6 novembre; e, infine, West End dell’italiana Chiara Frigo, performato all’AterlierSI nelle medesime date.

Un’edizione, insomma, assolutamente imperdibile!

 

ORARI & INFO

26 ottobre – 6 novembre

Arena del Sole – Via dell’Indipendenza, 44 Bologna

AtelierSI – Via San Vitale, 69 Bologna

Teatro Testoni Ragazzi – Via Giacomo Matteotti, 16 Bologna

Teatri di Vita – Via Emilia Ponente, 485 Bologna

Teatro del Baraccano – Via del Baraccano, 2 Bologna

Teatro Duse – Via Cartoleria, 42 Bologna

www.genderbender.it

 

Marco Argentina

www.giornaledelladanza.com

Phia Ménard / L’après-midi d’un foehn © Jean-Luc Beaujault

Check Also

Carla Fracci e Beppe Menegatti: “Ben vengano regole per danza, ma servono competenze”

“Ben vengano le regole, in tempo di coronavirus, anche per la danza. Ma leggendo le ...

La Royal Albert Hall di Londra rischia la chiusura se non arrivano aiuti

La Royal Albert Hall di Londra continua a ricordare il governo che se non ricevi ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi