Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / News (page 792)

News

Torre del Lago Puccini presenta al suo pubblico “Maria Stuarda”

  Maria Stuarda fa tappa in Toscana: Torre del Lago Puccini, una dei palcoscenici più suggestivi d’Italia, il prossimo 28 agosto ospita la pièce della Compagnia Emox Balletto Contemporaneo, la cui direzione artistica è affidata a Beatrice Paoleschi. Spettacolo di danza contemporanea e prosa liberamente ispirato a Maria Stuarda di Friedrich Schiller, la creazione vede tra i protagonisti, nella veste del Conte di Leicester, Francesco Mariottini: danzatore di importante formazione classica, è diventato molto noto al pubblico per la sua partecipazione, prima in veste di ballerino poi come professionista, al talent “Amici di Maria de Filippi”. Il fascino e l’emozione di grandi personaggi storici viene resa tangibile dalla interpretazione intensa e coinvolgente dei danzatori, a cui viene chiesta la massima espressività, senza mai dimenticare la grande qualità tecnica, con una colonna sonora di splendide musiche originali. Il personaggio interpretato da Mariottini è un po’ ambiguo, innamorato di Maria Stuarda ma che, allo stesso tempo, ambisce al potere. Le musiche di questa pièce, create ad hoc per la storia, sono affidate a Stefano Burbi ed i costumi di Santi Rinciari. Uno spettacolo che stupirà tutti i presenti, nessuno escluso! ORARI & INFO 28 agosto ore 21.15 Auditorium Via delle Torbiere s.n.c. Torre del Lago Puccini (Lucca) Tel: ...

Read More »

Medicina e Danza Estate – Quando posso iniziare il lavoro delle “punte”?

  Linee guida per la programmazione dello studio delle “punte” David S. Weiss, M.D., Rachel Anne Rist, M.A., e  Gayanne Grossman, P.T., Ed.M. Traduzione a cura della Dott.ssa Luana Poggini Riassunto  L’inizio dello studio delle “punte” per le allieve di danza dovrebbe essere determinato dopo l’attenta valutazione di una serie di fattori.  Questi includono: la fase di sviluppo fisico dell’allieva, la qualità del suo controllo del tronco, degli  addominali  e del  pavimento pelvico (stabilità  del “centro”), l’allineamento dei suoi arti inferiori (anca-ginocchio-caviglia-piede), la forza e la flessibilità dei piedi e delle caviglie, ed infine la durata e la frequenza della sua formazione di danza. Per le ragazze che soddisfano i requisiti relativi a tutti questi fattori, che hanno iniziato lo studio della danza intorno all’età di otto anni, e che frequentano le lezioni di danza almeno due volte alla settimana, lo studio delle “punte” dovrebbe essere avviato durante il quarto anno di formazione. Le studentesse che hanno invece uno scarso controllo del “centro” oppure una ipermobilità delle caviglie e dei piedi, necessitano di una lavoro supplementare di rafforzamento, prima di intraprendere in modo sicuro lo studio delle “punte”. Per tutte coloro che studiano danza classica con la frequenza di una sola ...

Read More »

Social Network Estate: Alessandra Ferri

Social Network Estate è la rubrica per l’estate, ideata dal direttore Sara Zuccari, in cui la redazione h24 del giornaledelladanza.com avrà i riflettori puntati sui personaggi della danza italiana ed internazionale per seguirli nella loro estate 2012, tramite i social network: facebook, twitter, Flickr, etc… Giovedì 19 Luglio 2012 Facebook Alessandra Ferri Nella danza… Ridiamo voce al sentimento!

Read More »

Al via per il secondo anno la rubrica “Ore Libere / Danza” del settimanale “A” a cura del Direttore Sara Zuccari

  Al via per il secondo anno rubrica di danza e balletto a cura del Direttore Sara Zuccari ogni settimana sul settimanale Anna. Questa settimana troverete nella rubrica di musica, teatro, danza e arte “Ore Libere” di Andrea Greco del settimanale A – diretto da Maria Latella – La Grande Danza a San Pantaleo in Costa Smeralda. Il Gala diretto da Claudio Rocco con la partecipazione di Giuseppe Picone– di Sara Zuccari (Direttore del www.giornaledelladanza.com).

Read More »

Kledi Kadiu dal barcone al cinema racconta la sua storia nel film di Vicari a Venezia

Il ballerino albanese Kledi Kadiu torna alla ribalta delle scene italiane. E’ stato infatti annunciato alcuni giorni fa che presenterà  alla 69esima Mostra Internazionale d’arte cinematografica a Venezia (aperta dal 29 agosto all’8 settembre) un docu-film in “fuori concorso” dal titolo “La Nave Dolce” del regista Daniele Vicari.  La pellicola racconta con immagini, testimonianze e video di repertorio, quello che accadde agli oltre 20.000 clandestini albanesi sbarcati in Italia l’8 aogsto del 1991. In quel tempo, salpò a Bari Vlora, un vecchio mercantile degli anni settanta e il nostro Kledi era lì.  Nel film stesso il ballerino interpreterà se stesso raccontando cosa ha provato in quel momento ormai diventato storico. Alla stampa ha dichiarato: “Ricordo tutto di quel giorno, volevo assaporare la libertà, assaggiare la Coca Cola che non avevo mai provato. Ma dopo tre giorni in cui è successo di tutto, siamo stati rimpatriati, e a casa sono tornato con una lattina vuota…“. Immancabili alcune domande su Maria De Filippi, la sua madrina televisiva, a cui però dice di non dovergli nulla: ” A Maria De Filippi sono riconoscente per il lavoro, ma non mi sento suo debitore, quello che ho avuto me lo sono conquistato... All’inizio non ci pensavo, ...

Read More »

Un libro per l’estate: “Danzare oltre” di Dominique Dupuy

Tradotta e diffusa  in tutte le librerie a partire da Maggio 2011, arriva una raccolta di scritti, intitolata “Danzare oltre, scritti per la danza”(Edizioni Ephemeria), eseguita da Dominique Dupuy, danzatore e coreografo formatosi in seguito alle rivoluzioni  coreiche del primo novecento. Importante per aver contribuito all’affermazione della danza moderna in Francia, il ballerino, ormai ottantenne, nel suo libro afferma: “Io danzo come scrivo, e scrivo come danzo” e ancora “Uomo di danza, ecco cosa vorrei essere”. Tra le pagine di questo libro, infatti, è facilmente comprensibile che, nell’autore, da una forte e rara passione per la scrittura, è nata l’esigenza di comunicare, attraverso le parole, le sensazioni provate durante una lunga carriera artistica. Una carriera durante la quale Dupuy, svolgendo un grande lavoro di creazione, si è interrogato riguardo ai principali ambiti intorno ai quali ruota l’arte della danza: il corpo, il movimento, la stessa creazione, l’interpretazione e infine, ma non meno importante, la memoria. Questi, secondo lo stesso Dupuy costituiscono la maggior parte dei requisiti per essere  “un uomo di danza”. La prima parte del volume, intitolata “Scritti per la danza”, contiene una serie di scritti, accuratamente selezionati da Dupuy, il cui scopo è quello di rivelare alcuni degli aspetti più significativi del mondo ...

Read More »

Il meglio di… Intervista ad Ambra Vallo: una carriera di grandi riconoscimenti

Intervista del 12 gennaio 2012   Ti sei diplomata in Belgio al “Ballet Royal des Flandres”, come mai questa scelta per una danzatrice italiana? Fin da piccola, sono sempre stata una perfezionista. Qualsiasi cosa facessi,  dovevo farla bene, con impegno e col massimo risultato. Volevo sempre sapere il perché di tutto. Mi sono sempre piaciute le competizioni e le sfide, ma quelle costruttive, quelle con me stessa, quelle che servono a migliorare ed acquisire nuove conoscenze. Ero minuta, fragile e timidissima. Scoprii il mondo della danza in una scuola di monache francesi, presso le quali frequentavo l’asilo. Da allora sono entrata in un’altra dimensione e non ne sono più uscita! Mi piacque tantissimo e non mi bastavano quelle poche ore: volevo imparare di più, sapere di più, migliorare, andare avanti. Così io, pur piccolissima, costringevo i miei a fare un tour de force durante la settimana e frequentavo tre scuole di danza contemporaneamente perché in ognuna di esse c’era qualcosa che mi piaceva (in una l’espressività, in un’altra il rigore accademico russo, nell’altra, infine, tenuta da un maestro, la cura dei salti e dei giri). Crescendo, ed essendo aumentato l’impegno scolastico, ero costretta a studiare di notte. L’italiano, il latino, il greco, ...

Read More »

A Perugia trionfa la danza contemporanea con la rassegna “Corpi Uscenti”

Dance Gallery (Centro Civico Danza Perugia), grazie al sostegno del Comune di Perugia, del TSU (Teatro Stabile dell’Umbria), della Regione Umbria e la collaborazione di N.U.DAContemporanea (network umbro danza contemporanea) dà il via ad una programmazione di spettacoli di danza all’interno del complesso Sant’Anna con la volontà di far parlare la giovane ed innovativa danza d’autore italiana, senza dimenticare il territorio umbro e le sue eccellenze. Nasce così la rassegna “Corpi Uscenti”, una tre giorni che ospita: venerdì 24 agosto l’evento FAT – Festa Altre Traiettorie, prodotto e ideato da N.U.DAContemporanea, sabato 25 agosto la compagnia torinese C.ie Zerogrammi con il suo spettacolo “INRI” e domenica 25 agosto chiude la Compagnia Simona Bucci, con la messa in scena di “Indissolubile Eco”. “Corpi Uscenti” è un titolo che Dance Gallery ha ideato nel 1996 per una rassegna napoletana di danza che in oltre 10 anni di programmazione ha fatto “uscire” molti talenti tra danzatori e compagnie. “…ci riprendiamo il titolo come augurio di lunga vita e di nuova linfa per noi e i nostri amici/colleghi campani”. Il Centro Civico Danza Perugia è un grande ed importante polo culturale nel centro della città dedicato alle arti performative, attivo da 18 anni. Una ...

Read More »

Stoffa per la Danza: Il ‘700: la rivoluzione nel costume

Il secolo dei Lumi costituisce nella storia del costume un periodo di completa rivoluzione e segna un enorme distacco dai secoli precedenti. Con l’avvento dell’Illuminismo la danza comincia ad espandersi un po’ dovunque,spostandosi dalle corti nei luoghi di ritrovo pubblici. Al di là di questo radicale cambiamento, che pure rappresenta un’evoluzione di notevole importanza, ciò che per noi è interessante sottolineare è la “rivoluzione” nell’ambito del costume. Nel ‘600 e in parte ancora nel ‘700 i ballerini,uomini e donne che fossero,indossavano maschere,parrucche,scarpe col tacco e vesti poco pratiche e del tutto inadatte alla libertà di movimento. Le donne in particolare erano vincolate da bustini con stecche,corpetti, gonne lunghe e sopragonne,sorrette da pesanti paniers; gli uomini erano poco più liberi, costretti in rendigotes,appesantiti da passamanerie e ricami, con falde ai fianchi, irrobustiti da stecche di balena. La dimensione notevole dei costumi, oltre ad ostacolare la naturale movenza del ballerino, non consentiva di danzare insieme e, pertanto, il balletto si svolgeva a distanza obbligata. Il teorico per antonomasia di un’impellente necessità di rendere più comodi e adatti i costumi è Jean George Noverre, il quale, non solo asserisce che il balletto deve ritrarre le passioni, i costumi e gli usi del popolo, ...

Read More »

Una “new creation” al Festival Opera Estate!

  L’estate è, oramai, quasi alla fine. Non per la danza, però. A Bassano del Grappa, infatti, torna lo spettacolo d’autore con una giovane, ma assai talentuosa, coreografa: Yasmeen Godder.  Talento assoluto, osannata dalla critica internazionale, presenta New creation, prima fase di un nuovo lavoro ispirato ad un grande pittore olandese. Il segno primitivo, quasi barbarico della coreografa, diventa sintesi ideale per dare forma alle immagini crude e complesse presenti nei suoi quadri che combinano motivi astrologici, popolari ed alchemici, ma affondano anche in tematiche come l’Anticristo e raffigurazioni di scene sulla vita dei santi. Una pittura fortemente evocativa, indice di una grande e continua angoscia morale e religiosa, accompagnata spesso dalla persuasione della follia umana. Yasmeen Godder, considerata una delle artiste più originali nel nuovo panorama della danza indipendente internazionale, vive e lavora in Israele e a New York. Crea e presenta coreografie dal 1997. Recentemente ha aperto il Yasmeen Godder Studio a Jaffa, dove sviluppa tutta l’attività didattica e quella coreografica con la sua compagnia. Pièce provocatorie, emozioni forti e umorismo caustico, eleganza e adrenalina: Yasmeen Godder e i suoi danzatori offrono ogni volta un potente antidoto alla convenzionale “passività” dello spettatore. ORARI & INFO 22 agosto ore ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi