Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Ticker (page 389)

Ticker

Tania Aragon: “Bisogna lasciare memoria attraverso il ballo”

Tania Aragon: “Bisogna lasciare memoria attraverso il ballo”

La ballerina Tania Aragon ha vinto molte manifestazioni di ballo tra cui il Los Angeles Salsa Open International Dance Championship, l’Argentine Tango Usa, l’Official Festival and Usa Championship, l’High Desert Dance Classic di Lancaster Ca Usa, l’Arizona Star Ball Usa per il Quick Step e il Paso Doble. Secondo posto al World Latin Dance Cup a Miami Usa, Tania è coreografa certificata con all’attivo congressi e festival in Usa, in Messico e performance in musical quali Chorus Line, 42nd street, Les Miserables, Sugar. Tania Aragon com’è incominciata la tua carriera di ballerina? Sono una ballerina originaria della Spagna che ha iniziato a ballare a soli 4 anni e che sin da piccola aspirava ad esibirsi, avere esperienze di successo nel mondo della danza. Ho partecipato, infatti, a musical e in tv fin da quando ero un bambina. Ho studiato Kinesiologia, ma la mia esperienza principale è certificata da Royal Academy di Londra, inoltre insegno danze di coppia quali il Tango, la Salsa, la Bachata, Latin e West Coast swing e partecipo a spettacoli in tutto il mondo. Ho vissuto in Spagna, Messico, Perù, Stati Uniti, ed ho viaggiato in Germania, Olanda, Costa Rica condividendo le mie conoscenze sulla danza con ...

Read More »
Nexo Digital presenta Anastasia, dalla Royal Opera House al cinema in diretta via satellite

Nexo Digital presenta Anastasia, dalla Royal Opera House al cinema in diretta via satellite

Entrò e l’intera Opera House le si aprì davanti. In fin dei conti non era in ritardo (…). L’intero teatro risplendeva –rosso, dorato, crema ed odorava di vestiti e fiori, e riecheggiavano gli scricchiolii e il trillo degli strumenti, e il brusio e il mormorio delle voci. Gli Anni, Virginia Woolf Come ogni anno, anche quest’anno Nexo Digital porta avanti l’ormai comprovato fruttuoso rapporto fra Danza e Cinema. La stagione 2016-2017 si presenta davvero ricca ed eccezionale, grazie alle tante opere e balletti presenti in cartellone. In diretta via satellite, dal 26 settembre saranno ben 12 gli appuntamenti d’eccellenza che si avvicenderanno da Londra nelle sale cinematografiche italiane. Situata nel cuore di Covent Garden, la Royal Opera House è uno dei luoghi più importanti della cultura inglese ed è universalmente riconosciuta come uno tra i palcoscenici più prestigiosi al mondo. Continua su oltre 1500 schermi cinematografici di tutto il mondo la stagione 2016-2017 del cartellone della Royal Opera House di Londra al cinema. Il terzo appuntamento è con il balletto Anastasia, una delle prime creazioni di Kenneth MacMillan quando fu nominato direttore del Royal Ballet, nel 1970. Così, mercoledì 2 novembre alle ore 20.15, trasmesso in diretta via satellite, Anastasia rivivrà sugli schermi italiani, con le musiche di Pyotr Il’Yich Tchaikovsky e Bohuslav Martinů e con la direzione d’orchestra di ...

Read More »

La danza è un regalo di Dio: intervista a Bella Ratchinskaja [ESCLUSIVA]

Bella Ratchinskaja frequenta e si diploma con onore presso l’Accademia di Stato del Balletto di Perm. Successivamente partecipa al concorso dell’URSS per giovani ballerini e si trasferisce a Leningrado dove intraprende la carriera di ballerina classica presso il teatro. Dal 1972 è Solista presso la compagnia “Choreographical Miniatures” diretta da Leonid Veniaminovic Jakobson dove spazia tutto il repertorio dei canoni classici e gode del prestigio coreografico personale. Ottiene diverse premiazioni per i successi ottenuti durante le tournée internazionali. Negli stessi anni comincia a muovere i primi passi nella creazione coreografica ricevendo consenso dal pubblico sovietico. Nel 1976 viene ammessa al corso di laurea in pedagogia del balletto classico presso l’Accademia Vaganova che termina con il Diploma d’onore ottenendo il massimo dei voti e il titolo ufficiale di Pedagogo del balletto classico, delle danze storiche, di carattere e repertorio. Subito dopo entra a far parte del corpo docente dell’Accademia Vaganova e parallelamente avvia una fervida collaborazione con il Ministero della Cultura della Mongolia portando lì l’educazione e la metodologia del balletto classico della scuola Vaganova. Nel 1989 viene premiata con il Diploma e Simbolo del Ministero della Cultura dell’URSS e della Mongolia per il merito professionale ottenuto. Nel 1989 si trasferisce ...

Read More »

Geometrie di corpi e materia con “Rame” di Lara Russo

Il 29 ottobre 2016, il Teatro Grande di Brescia ospita Rame – Cercare coraggio/proteggere innocenza, coreografia di Lara Russo, interpretato da Davide Tagliavini, Andrea Palumbo e Lucas Delfino, suono di Mahatsanga Le Dantec, in collaborazione con Yesenia Trobbiani. Nata a Milano, dopo diversi anni passati a Barcellona e Berlino, dal 2011 Russo è stabile a Bologna, dove ha messo le basi per la sua ricerca coreografica e ha iniziato a collaborare con la fabbrica d’arte Leggere Strutture. Ha affiancato anche Virgilio Sieni a Biennale di Venezia, e ha ottenuto il Premio del pubblico al Festival Oriente Occidente di Rovereto, con la coreografia Legame. Nel 2015 vince il Premio Dna Appunti Coreografici a Romaeuropa Festival proprio con Rame, coreografia originale e di forte impatto, che vede in scena tre performer a cui è affidata un’asta di rame, un materiale resistente, freddo al tatto e apparentemente privo di vita. I protagonisti si confronteranno con il materiale in un gioco di cadute, sospensioni, geometrie corporee, cambiamenti di spazi, nel tentativo di dare vita a qualcosa di diverso, finalità della danza stessa, comprendendo che la materia ha una sua vita e un suo potenziale artistico e creativo. ORARI & INFO 29 ottobre 2016 ore ...

Read More »
“Kiss & Cry”: quando cinema e danza si trasformano in sogno

“Kiss & Cry”: quando cinema e danza si trasformano in sogno

  Ho sognato, a occhi aperti, seduto comodamente in poltrona a teatro. Ho vissuto il sogno di due mani che si seguivano, intrecciavano, cercavano sensorialmente. Poi mi sono svegliato, e il tutto – fortunatamente – era pura realtà: sul palcoscenico dell’Arena del Sole di Bologna, lo scorso 18 ottobre, le mani di Michèle Anne De Mey e di Grégory Grosjean, rincorse e zoomate dall’occhio cinematografico del regista Jaco Van Dormael, hanno dato vita a Kiss & Cry, spettacolo assai fuori dagli schemi performativi usuali e, proprio per questo, incomparabile. Sulle note dell’aria di Händel Lascia ch’io pianga ha inizio la storia di Giselle, protagonista emblematica di una vicenda che deborda i confini dell’impianto spettacolare per catapultare il pubblico in un altro mondo, quello in cui tutti i ricordi, le emozioni, i vissuti e le persone che hanno aggiunto un tassello al puzzle della Vita restano vividi, facendo parte – in qualche modo – ancora del presente. Come il ragazzo incrociato sul treno per soli 13 secondi, quando lei era adolescente. Il suo primo amore, probabilmente l’unico vero, sicuramente il più indimenticato. Nonostante i successivi uomini, infatti, il cuore della protagonista resta aggrappato all’immagine di quelle mani sfioranti per caso nel ...

Read More »

“Shakespeare in love”: al Petruzzelli un gala internazionale a cura di Daniele Cipriani

Nell’anniversario dei 400 anni dalla morte di William Shakespeare (1564-1616), il pubblico del Teatro Petruzzelli di Bari potrà vedere riuniti, in una sola serata, in un originale spettacolo di danza, un ventaglio di grandi figure ispirate dai drammi di William Shakespeare. ai quali verranno saldate la suggestione e la poetica magia dei “Sonetti” del Poeta. Le coreografie proposte sono di alcuni fra gli autori maggiori del nostro tempo, come per esempio John Neumeier, Keneth McMillan, ai quali si aggiungono gli italiani Damiano Ottavio Bigi,  Luciano Cannito e Mauro Bigonzetti. Al cast di danzatori di rango internazionale, come Silvia Azzoni e Oleksandre Ryabko (Hamburg Ballett), Damiano Ottavio Bigi  (Tanztheater Wupperthal di Pina Bausch),   Marina Kadyrkulova  e Amilcar Moret  (Kiel Ballett), Vittoria Valerio e Claudio Coviello (Teatro alla Scala di Milano), si aggiungono gli otto danzatori solisti interpreti della “Giulietta” di Luciano Cannito, recentemente presentata al Teatro Bolshoi di Mosca e la presenza in scena dell’attrice Elena Croce, anche voce recitante. L’intima relazione che si verrà a stabilire tra le diverse forme d’arte, nell’incontro fra musica, teatro, poesia e danza, è pensata per costruire, agli occhi del pubblico, un “mondo nuovo” nella sorpresa, nel significato e nella bellezza, al di là di ogni contenuto che sarà possibile leggere negli stessi Sonetti. Le suggestioni dei testi di Shakespeare si uniscono a corpi che cercano e ...

Read More »

Il Festival Democrazia del Corpo coinvolge artisti e cittadini fino a dicembre

Organizzato dal Centro di Produzione sui linguaggi del corpo e della danza di Virgilio Sieni, il festival La Democrazia del corpo continua fino a dicembre e riflette sulla capacità dell’uomo di abitare e rinnovare la città e l’esperienza umana attraverso il gesto e la danza. Il programma non prevede solo un cartellone di spettacoli, ma anche una piattaforma di approfondimenti e pratiche, e porta artisti e coreografi a lavorare sulla danza in relazione al territorio e alla città di Firenze. Non solo danza e artisti: com’è tradizione nei progetti di Sieni, anche lo spettatore e il cittadino sono coinvolti, in modo da creare produzioni site specific che sfocino poi in vere relazioni di comunità cittadina. Tra i titoli da segnalare, a parte le produzioni di Virgilio Sieni e della compagnia, che costellano qui e là il programma: l’imperdibile Sylphidarium di Collettivo Cinetico, uno sguardo archeologico e scientifico sul balletto, con l’ironia e il genio popolare tipico della compagnia, in scena il 29 ottobre; mentre Liquido, di Gianluca Petrella e Luisa Cortesi in scena il 3 novembre, estende le due personalità artistiche – quella del musicista e della coreografa – in perfetta sintonia reciproca, dando vita a una performance in cui ...

Read More »

Visioni, poesia, danza e cinema in “Cold Blood” di Michèle Anne De Mey

Dal 22 al 26 ottobre 2016, all’interno di Torino Danza Festival 2016, il Teatro Fonderie Limone di Torino ospita la prima italiana di Cold Blood, coreografia di Michèle Anne De Mey, regia di Jaco Van Dormael e con la partecipazione del collettivo Kiss & Cry. Danzatrice e coreografa belga, formata alla Annie Flore Ballet School di Bruxelles, De Mey ha partecipato a diverse creazioni di Anne Teresa De Keersmaeker, firmando la sua prima coreografia, Passè simple nel 1981. Nel 1990 ha fondato la sua compagnia e l’associazione Astragalus e dal 2005 è il direttore artistico di Charleroi Danses, Centre chorégraphique de la Fédération Wallonie-Bruxelles. Cold Blood è una creazione originale, che intreccia linguaggi artistici diversi, abolisce ogni confine fra le arti e contamina la danza con invenzioni visionarie, poesie, gesti e parole, creando una polifonia di linguaggi che conquista lo spettatore. Protagoniste dell’opera sono le dita delle mani, riprese a distanza ravvicinata e proiettate su grande schermo, che si muovono e danzano, agili e sensuali, che raccontano storie, si amano, si accarezzano, si inseguono e si sfuggono. Ne nasce un film ipnotico, che richiama scene di danza memorabili (come quelle tra Ginger Rogers e Fred Astaire, i famosi balletti acquatici ...

Read More »

Danae Festival: un diciottesimo compleanno tra conferme e novità

È uno dei festival dell’autunno di danza, che quest’anno diventa maggiorenne, e festeggia nella sua città – Milano – dal 26 ottobre al 13 novembre. Si tratta di Danae Festival, che per il suo 18 compleanno mette in campo sempre più la propria abilità di essere vetrina per artisti emergenti, ma anche di essere spazio per residenze artistiche e luogo di incontro di nuove proposte e nuovi modi (spazi) di fare danza. Moltissimi, in questa matura edizione, gli artisti italiani della danza e della performance: ad aprire il programma l’ironica e carismatica Silvia Gribaudi, che il 26 ottobre presenta What age are you acting? E la versione breve di R.osa – 10 esercizi per nuovi virtuosismi, due progetti che sradicano pregiudizi legati all’età e all’immagine del corpo che ci viene imposta comunemente; la Gribaudi firma inoltre la regia di My Place – il corpo e la casa della compagnia Qui e Ora. Tra gli altri numerosi nomi protagonisti del cartellone segnaliamo L’archivio delle cose che passano di Salvo Lombardo, performance urbana ambientata al Mercato Isola, sabato 29 ottobre dalle 11, e il suo Casual Bystanders, che nasce dall’osservazione dei gesti di passanti in spazi pubblici, e che va in scena ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi