Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / Attualità / La danza è un’arte in grado di creare una connessione fisica ed emotiva

La danza è un’arte in grado di creare una connessione fisica ed emotiva

La connessione sociale è uno dei punti focali della nostra specie. Attraverso di essa impariamo dagli altri, per imitazione e condivisione di esperienze. Siamo attenti alle emozioni e alle azioni delle persone che ci circondano, perché il nostro cervello è stato progettato per questo.

La connessione sociale dunque è una funzione chiave del nostro cervello, ci aiuta a dare un senso al comportamento umano che in gran parte consiste nel valutare il movimento e le emozioni da esso generate.

Gli effetti prodotti dall’arte, quindi, iniziano proprio nel cervello, dove sistemi intricati e complessi la recepiscono e la interpretano con una velocità sorprendente.

Assistere a uno spettacolo dal vivo produce una scarica neurale fortissima. Grazie alla capacità della nostra amigdala di provare emozioni ed empatia, anche nell’arte della danza, che è priva di parole, possiamo scoprire un significato e una storia.

Il movimento è irresistibile. Le parti principali del cervello si occupano principalmente del movimento e dell’invio di comandi motori ai muscoli in modo che il corpo possa muoversi, elemento essenziale per la sopravvivenza.

Il cervello quindi è fortemente stimolato dal movimento, dal linguaggio del corpo, dall’espressione facciale e dai gesti. Ma non siamo solo visivamente attratti dai movimenti degli altri, li sentiamo, in qualche modo, nei nostri corpi.

Secondo la teoria del ‘sistema a specchio’, il nostro cervello imita automaticamente le azioni degli altri attraverso il sistema motorio.

Quando un ballerino piroetta sul palcoscenico, lo spettatore che assiste alla performance prova quasi le stesse sensazioni fisiche del danzatore, come se fosse egli stesso a ballare.

Se tutto funziona come previsto durante la preparazione dello spettacolo, nasce una sorta di coscienza condivisa.

Miliardi di cellule cerebrali interagiscono con miliardi di altre cellule cerebrali, quelle degli altri spettatori e dei danzatori. Nascono connessioni microscopiche ma potenti che uniscono i cervelli di coloro che sono presenti con una forza inimmaginabile.

È una vera e propria trasformazione magica che inizia inconsapevolmente all’interno dell’architettura del nostro cervello, e che ci arricchisce come persone e come società.

Stefania Napoli
© www.giornaledelladanza.com

Check Also

Monumentum

“MONUMENTUM the second sleep”: restituire identità al linguaggio del corpo contemporaneo

La programmazione di Torinodanza Festival 2022 prosegue con MONUMENTUM the second sleep, il nuovo lavoro ...

Il-labirinto

Compagnia Opus Ballet: “Il Labirinto – Il Mito di Arianna e il Minotauro”

In occasione del In2Itfest International Dance Festival 2022, in Norvegia, la Compagnia Opus Ballet, diretta ...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi