Find the latest bookmaker offers available across all uk gambling sites www.bets.zone Read the reviews and compare sites to quickly discover the perfect account for you.
Home / News (page 710)

News

Argentario Dance Festival 2012

  Nel bellissimo scenario di Porto Santo Stefano, sotto la direzione artistica di Claudio Rocco, Giovedì 6 settembre, prenderà il via la quarta edizione dell’Argentario Dance Festival, concorso internazionale di danza,  che  da quattro anni coinvolge giovani talenti provenienti da tutto il mondo i quali vengono coinvolti in quattro giorni di danza, mare e scambi interculturali attraverso diverse attività turistico-culturali che favoriscono la scoperta del territorio. Anche quest’anno il Festival vanta una giuria composta da grandi nomi della danza e dello spettacolo: il produttore e regista televisivo Sergio Iapino, che inoltre sarà il presidente di giuria, il direttore artistico del festival Claudio Rocco, il coreografo  della compagnia americana di fama mondiale Complexions, Desmond Richardson,la direttrice uscente della scuola del Teatro dell’Opera di Roma, Paola Jorio, il direttore del Maggio Danza Francesco Ventriglia, la maître de ballet Lucia Geppi, MoMo, insegnante e coreografo del gruppo Funk Elements ed il coreografo internazionale Giancarlo Solinas. Il programma prevede due giornate di fasi preliminari e Sabato 8 la finale alla quale accederanno solo i migliori elementi selezionati. Il Festival si concluderà Domenica 9 settembre con un galà che racchiude le migliori performance dei giorni precedenti. Alla serata conclusiva presenzierà anche Sara Zuccari, giornalista e critico ...

Read More »

Un libro per l’estate: “Rudolf Laban: corpo, spazio, espressione”, la danza intesa come essenza del mondo

E’ arrivato finalmente anche in Italia il volume che offre un quadro esauriente di quella che è la danza secondo il danzatore, insegnate e teorico austro-ungarico Rudolf Laban (1879-1958). Il libro, intitolato “Rudolf Laban: corpo, spazio, espressione” e pubblicato in tutte le librerie per Epos, esegue un resoconto dell’evoluzione e delle trasformazioni della danza in seguito alla nascita delle teorie di  Laban. L’autrice, Vera Maletic, allieva dello stesso Laban, in qualità di testimone dell’operato di quest’ultimo, esplica che cos’era la danza secondo il  maestro, prendendo in considerazione anche il suo famoso sistema di notazione dei passi risalente al 1928 e noto come “Notazione Laban” oppure “Labanotation”. Questa volta la danza, vista come un’arte da palcoscenico, da una parte  è intesa come l’espressione del ritmo originario che da solo costituisce l’essenza del mondo, dall’altra come  movimento liberatorio del corpo e dell’animo umano. Antonia Nedelcu

Read More »

Il meglio di… L’étoile Roberto Bolle si racconta al giornaledelladanza.com

Intervista del 1 dicembre 2011 Scoperto da Rudolf Nureyev, la sua carriera ha oramai toccato vertici prestigiosi ballando nei più importanti teatri del mondo a fianco delle più grandi étoiles della danza degli ultimi anni: Altnyai Asylmuratova, Darcey Bussel, Alessandra Ferrri, Sylvie Guillem, Svetlana Zhakarova, per citarne solo alcune. Raccontaci il tuo ultimo lavoro l’Orpheus di John Neumeier con l’Hamburg Ballet? In che modo hai interpretato “Orfeo”? Orpheus è stato per me un balletto molto desiderato che ho ballato dopo due anni dal previsto debutto. È un onore che un coreografo della portata di John Neumeier , uno dei geni della coreografia e del balletto moderno e narrativo, abbia plasmato una creazione su di me. Un grande riconoscimento e un punto di arrivo per la mia carriera. Insieme abbiamo fatto un lavoro molto intenso e profondo sulla figura di Orfeo cercando di entrare e delineare la personalità, la parte più profonda del personaggio. Le tue sensazioni in questo ruolo? Abbiamo dato vita ad un personaggio molto vero e sensibile. Neumeier è riuscito, attraverso un linguaggio moderno, a dare una grande verità al mito. Ed è proprio grazie a questo tipo di linguaggio che sono riuscito ad entrare profondamente nel ruolo ...

Read More »

Social Network Estate: Mario Marozzi

Social Network Estate è la rubrica per l’estate, ideata dal direttore Sara Zuccari, in cui la redazione h24 del giornaledelladanza.com avrà i riflettori puntati sui personaggi della danza italiana ed internazionale per seguirli nella loro estate 2012, tramite i social network: facebook, twitter, Flickr, etc… Mercoledì 25 luglio Facebook Mario Marozzi In questa vita ho imparato a non soffrire per un amicizia persa… Perchè quando le persone ti abbandonano, vuol dire che l’amicizia non era vera, perciò non vale la pena soffrire per chi non merita neanche una scheggia del tuo cuore!!! (Bastarda♥)

Read More »

Stoffa per la Danza: Il costume del seicento

Il 600 rappresenta un periodo determinante per l’evoluzione del costume così come lo intendiamo oggi. Chi veste comprende e desidera creare un abito che sappia vestire l’anima del danzatore, suggellare quel patto d’amore che inizia a crearsi tra  passi e piroette. Nel 1661 Luigi XIV fondò l’accademia Nazionale della Musica della Danza e nacque la professione del ballerino professionista e di qui la necessità di un abito unico nella consapevolezza di rappresentare il corpo dove il danzatore rispecchia lo spirito ma anche un abito che  deve agevolare i movimenti sempre più rapidi del danzatore stesso . Anche se le tenute erano ancora molto elaborate , ricami e colori che richiamavano alla ricchezza ed allo splendore proprio di questo secolo “superfluo” cosi come gli accessori che non dovevano mai mancare. Questo stile era riversato anche nella vita di quel tempo infatti E’ proprio attraverso le tele dei grandi artisti che possiamo conoscere le vere donne e i veri uomini, di quelli che si incontravano per strada, in un caffè, colti con il sudore negli occhi mentre con un piede si facevano nervosamente strada nei campi. Ognuno di essi veniva rappresentato per quello che era, per i loro sguardi ma anche nei ...

Read More »

L’Italia protagonista al concorso di Burgos in Spagna

  L’Italia domina il concorso internazionale di Burgos (Spagna), tenutosi il 25, 26 e 27 luglio, dove gli italiani Mattia Russo e Diego Tortelli con Descaminos de dos hanno vinto il primo posto ex equo con  Guido Sarli e Manuel Rodriguez con la coreografia Fifth Corner. La prima opera rivendica “il bene che la vita ci offre” e si basa sulle musiche di Cliff Martinez, la seconda tratta dell’essenza più primitiva dell’essere umano e conta sull’interpretazione dei ballerini Xavi Auquer, Ares D’angelo e Lautaro Reyes. La serata ha visto inoltre la partecipazione del Ballet Contemporáneo de Burgos. I premi assegnati, consegnati al Teatro Principal, sono stati: 9000 euro per il primo posto, 6000 euro per il secondo posto vinto a pari merito dagli spagnoli Jorge García Pérez e Alba Carbonell con Recayó en Bipolar Skin e da  Ángel Rodríguez con Two women. Il terzo posto, patrocinato dalla Fondazione Autor-SGAE, di 2.500 euro è andato alla compagnia di danza contemporanea T.A.C.H. con Menos Loops. Il premio per la miglior interpretazione, pari a 1.500 euro, è andato alla creazione di Candelaria Antelo, artista presso Centro Coreográfico de La Gomera, e Arthur Bernard Bazin per la creazione Te odiero, coreografia ispirata alle musiche di Louis Armstrong, che ha aggiunto un ennesimo premio a quelli già ricevuti ad Alcobendas, Madrid. Tra i vincitori dell’undicesima edizione, oltre ai premi assegnati dalla giuria, sono stati assegnati dei premi dal centro di produzione e creazione scenica ...

Read More »

L’ultimo saluto a Richard Cragun

  Si è spento ieri a Rio de Janeiro il danzatore americano Richard Cragun, famoso partner di Marcia Haydée. Nato a Sacramento, negli Stati Uniti, Cragun intraprese i suoi studi di danza alla Banff School of Fine Arts in Canada, studi che poi proseguì presso la Royal Ballet School di Londra e la scuola di Vera Volkova a Copenhagen. Il suo sviluppo artistico è strettamente associato a John Cranko con cui collaborò sin dal 1962 per lo Stuttgart Ballet e continuando ad interpretare i ruoli per lui creati dal grande  coreografo anche dopo la sua morte. Ha danzato inoltre coreografie di Macmillan, Neumeier, Kylian, Forsythe e Béjart. Dal 1996 al 1999 è stato il direttore del corpo di ballo del Deutsche Oper Berlin. In seguito ha collaborato con il Teatro Municipal di Rio de Janeiro.   Lorena Coppola

Read More »

MAD Vieste Festival 2012

M.A.D. Vieste Prize è un contest on-line aperto per gli artisti, una piattaforma culturale dedicata alla contaminazione tra arti visive e performative. Quest’anno, il comune di Vieste ha deciso di ospitare il M.A.D. Vieste Festival con la volontà di sostenere l’arte e promuovere la crescita professionale dei suoi partecipanti; la rassegna verrà inaugurata il 2 settembre con la partecipazione del danzatore Toni Candeloro e si concluderà l’8 settembre con un Galà di Chiusura in cui sarà presente il noto coreografo e ballerino Andrè De La Roche . Le opere finaliste che verranno accolte al M.A.D. Vieste Festival saranno selezionate attraverso una modalità mista che prevede il voto on-line e la scelta da parte di una giuria competente la quale riconoscerà ai migliori un premio in denaro. La giuria della categoria danza sarà costituita da Anna Razzi (Direttrice del Teatro San Carlo Di Napoli), Daniel Agesilas (Coreografo e Direttore di CNSMD de Paris), Laura Comi (Direttrice della scuola dell’Opera di Roma), Toni Candeloro (Ballerino e Coreografo), Andre’ De La Roche (Ballerino, Regista e Coreografo), Virgilio Pitzalis (Coreografo), Byron (Coreografo e Ballerino), Attila (Ballerino e coreografo) e Betty Style (Ballerina e coreografa). Per la categoria arte ci saranno  Maurizio Coccia (direttore del Centro Internazionale per l’Arte Contemporanea Palazzo Lucarini di Trevi), Lorenzo o Marco Poggiali ...

Read More »

Il meglio di… Intervista a Petra Conti: “La danza è una vocazione”

Intervista del 21 ottobre 2011 Prima di parlare della tua carriera, ci puoi raccontare il tuo primissimo ricordo legato alla danza? È stato amore a prima vista? A dir la verità, non ho un vero e proprio ricordo legato alla danza. Sono nata in una famiglia di danzatori ed è tutto nato molto naturalmente in me. Ricordo, però, di aver visto un video che mi impressionò positivamente…forse è quello il primo momento in cui ho pensato alla danza e al fatto di potermi avvicinare ad essa! La tua carriera di ballerina è iniziata all’accademia Nazionale di Danza: come hai vissuto gli anni che ti hanno poi portato al diploma? Sono stati anni molto impegnativi: ho lavorato duramente, seguivo molte lezioni di danza e al contempo dovevo anche andare a scuola. È stata un’esperienza che sicuramente mi ha fatto crescere: vivevo lontana dalla mia famiglia, non avevo una vita privata, fondamentalmente vivevo in accademia. Sono stati otto anni molto intensi, ho imparato molto e, anche grazie al mio Maestro Zarko Prebil, che mi ha seguita negli anni, ho avuto la possibilità di andare a San Pietroburgo. Sono tantissimi i giovani danzatori che, dopo un periodo di formazione all’estero, decidono di non ...

Read More »

Medicina e Danza Estate – La distorsione della caviglia: il trauma acuto più frequente tra i danzatori

  Le patologie ortopediche che affliggono i danzatori sono prevalentemente di natura cronica ovvero da sovraccarico funzionale: esse sono legate, infatti, alla ripetizione dello stesso movimento per molte ore al giorno fino al superamento della soglia di tolleranza delle strutture sia ossee che muscolo-tendinee coinvolte. Il trauma distorsivo della caviglia rappresenta, in questo contesto, una sorta di eccezione: in tutte le indagini statistiche riguardanti danzatori, le distosioni sono riportate come il trauma acuto più frequente e spesso meno considerato dal punto di vista tecnico e riabilitativo. Per distorsione si intende l’insieme delle lesioni a carico delle strutture capsulo-legamentose che rivestono un’articolazione che avvengono a causa di una brusca sollecitazione dell’articolazione stessa in una direzione inusuale di movimento o per un eccessivo grado di mobilità. È utile ricordare che sia la capsula articolare che i legamenti sono composti da tessuto connettivo fibroso e che, al loro interno, sono presenti numerosi recettori di posizione (propriocettori) che sono responsabili della percezione a livello cerebrale della posizione della caviglia nello spazio e quindi, ovviamente, della abilità di un individuo di mantenere l’equilibrio. Dal punto di vista scheletrico, la caviglia (o articolazione tibio-tarsica) è composta dai due malleoli – tibiale e peroneale – che formano una specie di “tenaglia”, detta appunto pinza ...

Read More »

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. E maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Puoi consultare per maggiore informazione l'apposita pagina sulla nostra Privacy Policy

Chiudi